The Preggo Diaries – Scegliamo insieme il sistema modulare?

E io che pensavo che le scelte difficili cominciassero dopo la nascita dell’inquilino … illusa! Da quando ho scoperto di essere incinta mi si è aperto davanti un vero e proprio mondo, un universo parallelo nel quale è necessario operare una serie di scelte più o meno importanti.

Qualche esempio? Dal classico “Volete conoscere il sesso?” a “Avete già scelto un nome?” e via via scendendo nella scala di importanza fino a giungere a “Che passeggino avete scelto?”

Ammetto la mia ignoranza, fino a qualche mese fa non immaginavo nemmeno lo sterminato mondo dei mezzi di trasporto per neonati (aka sistema modulare). Nel post di oggi mi piacerebbe condividere con voi qualche informazione, mostrarvi quali sono i due modelli che hanno maggiormente colpito la mia attenzione e, magari, chiedere consiglio a qualche mamma più esperta in merito alla scelta da fare.

In breve, i sistemi modulari (ebbene si, questo è il nome corretto) si dividono in due categorie:

duo, composti da due soli elementi (generalmente un ovetto e un passeggino-carrozzina)

trio, composti da tre elementi (ovetto, carrozzina e passeggino).

Potete poi scegliere se volete un modello a maniglione unico, con la doppia maniglia o con l’impugnatura “ergonomica”.

Ma queste sono solo le categorie principali: Tre o quattro ruote? Chiusura a soffietto o a libro? Che peso dovrebbe avere il vostro sistema ideale? Volete che la carrozzina sia omologata per l’auto? Preferite agganciare alle cinture di sicurezza l’ovetto ogni volta o usufruire del supporto fisso da ancorare al sedile dell’auto? Volete una carrozzina rigida o un supporto più morbido? Posizione più alta o più bassa? AAAAAHHHH

Ora capite la mia confusione?

 Insomma io e Mr Marito siamo giunti ad alcuni punti “importanti” per noi:

maniglia regolabile in altezza (io sono 1.60, Mr Marito 1,96 ed entrambi dobbiamo poter spingere in giro l’inquilino);

quattro ruote, possibilmente due più piccole e due più grandi;

peso medio: considerando che io non sono maciste e che, al peso del modulare, va poi sommato quello dell’inquilino non posso pensare di prendere strutture troppo pesanti;

 Detto ciò, vi presento ora i due “finalisti”. Dopo attenta analisi di quanto visto per le strade, svariati giri in negozio per prove dal vivo e richiesta di consigli ad amiche figlio-dotate e parentame vario io e Mr Marito abbiamo selezionato queste due opzioni, un duo e un trio.

 Il primo è il sistema Urban di Chicco. Si tratta di un sistema duo composto da ovetto + carrozzina-passeggino. La struttura della carrozzina è morbida e, attraverso un sistema di stringhe, permette la rapida e agevole trasformazione in passeggino.  E’ dotato di quattro ruote, due davanti più piccoline e due dietro più grandi, e maniglione unico con possibilità di regolare l’altezza. L’elemento carrozzina non è omologato per l’auto ma la struttura “leggera” lo rende il perfetto compagno per la stagione calda (almeno credo). Sono disponibili accessori come il kit per fissare l’ovetto alla macchina e i più classici copri gambe e parapioggia ed è possibile personalizzarlo con dei kit colore che offrono vasta scelta nei colori.

 Qui trovate un video dimostrativo del modello.

 Schermata 2015-01-12 alle 16.52.56

Schermata 2015-01-12 alle 16.49.42

Schermata 2015-01-12 alle 16.49.34

Schermata 2015-01-12 alle 16.49.56

Schermata 2015-01-12 alle 16.53.11

Il secondo finalista è il Myo di Foppapedretti, un sistema trio composto da ovetto + carrozzina rigida + passeggino. La struttura di Myo è decisamente più particolare della precedente: è dotata di maniglione ergonomico e di perno unico, che permette di ruotare l’elemento passeggino su se stesso (ossia cambiare da fronte strada a fronte mamma [chissà poi perchè non si prende mai in considerazione l’ipotesi fronte papà ^_*] senza sganciare il passeggino ma semplicemente ruotandolo sul perno centrale). Quattro ruote, due più piccole e due più grandi, e l’ampio cestino sottostante completano l’offerta di questo sistema. L’elemento carrozzina, così come quello ovetto, è omologato per il trasporto in auto ed esiste anche un kit, venduto separatamente, composto da una pratica base fissa da lasciare in auto per evitare di agganciare tramite le cinture di sicurezza i singoli elementi ogni volta che serve trasportare l’inquilino. Anche in questo caso esistono accessori che completano l’offerta come il copri gambe e il parapioggia e kit che ne personalizzano il colore (con alcune varianti davvero eccentriche).

Ecco il video dimostrativo di Myo.

Schermata 2015-01-12 alle 16.58.34

Schermata 2015-01-12 alle 17.00.19

Schermata 2015-01-12 alle 16.59.54

Schermata 2015-01-12 alle 17.00.30

Schermata 2015-01-12 alle 17.01.22

Ok, ora tocca a voi … ci date una mano a scegliere?

Bisous

S.

No Comments Yet.

Leave a comment