Fashion Books #2 – I grandi temi della pittura MODA

“Osservando l’avvicendarsi delle mode nella storia delle opere d’arte, emerge con chiarezza come, sin dalle origini dell’uomo, il tipo di abbigliamento abbia sempre rappresentato in maniera emblematica le diverse condizioni sociali”

Questo l’incipit del Fashio Book di cui vorrei parlarvi oggi.

Il volume in questione appartiene alla Collana De Agostini I grandi temi della pittura ed è interamente dedicato alla MODA.

In questo testo, edito nel 2006, si procede ad un’analisi dettagliata e piuttosto approfondita dell’elemento Moda all’interno dell’Arte partendo dalle civiltà antiche per arrivare alla modernità.

Nella sequenza di 6 capitoli (Medioevo, Rinascimento, Seicento, Settecento, Ottocendo e Novecento) gli autori analizzano in prima istanza il periodo storico di riferimento, procedono poi ad una breve panoramica della storia dell’arte dell’epoca e poi inseriscono una serie di riferimenti alle mode e ai cenni della moda nelle opere d’arte. E’ proprio questa la parte più interessante: si procede a stendere una storia della moda usando come testimonianze e tracce le opere d’arte del periodo di riferimento.

E così gli olandesi di Vermeer ci raccontano di una ricca borghesia commerciale e le donne di Modigliani dimostrano l’emanciparsi della figura femminile da un punto di vista socio-economico.

Davvero interessante scoprire ancora una volta come la moda sia più che un semplice “accessorio” ma rappresenti davvero un elemento significativo e significante a livello sociale, economico e storico.

Come si legge nell’introduzione “Studi recenti tendono a considerare la spinta a coprirsi non soltanto come una scelta dettata dalla necessità di ripararsi dalle diverse condizioni atmosferiche ma anche il risultato di esigenze rituali […] il vestiario aveva lo scopo di rendere immediatamente riconoscibile il ruolo che il singolo ricopriva all’interno della società […] Per chi si interessa della storia della moda il percorso dell’arte può essere visto anche come un’immensa sfilata di vestiti e accessori che permette di familiarizzare con usi e costumi, altrimenti testimoniati soltanto dalle fonti letterarie”.

Pregevole l’impianto editoriale del volume e preziose le immagini presenti di cui vedete un assaggio nelle foto che vi lascio qui sotto.

Purtroppo non so dirvi nulla sulla reperibilità: ho trovato questo testo per caso in un Remainder Book Shop per pochissimi euro … davvero una casualità!

Bisous

S.

 DSC_0039

“Looking back at the traces left by Fashion History in Works of Art it is easy to under stand how Fashion has represented, since the men origins, the difference in social status between one individual and the other”.

This is the incipit of the Fashion Book I wanna share with you today.

The volume belongs to a series of books by DeAgostini focused on History of Art Main Themes and it’s entirely focused on Fashion.

The book was published in 2006. It analyzes Fashion Element in History of Art from the very beginning of Human Civilization until the Contemporary Age.

There are 6 chapters: Middle Ages, Renaissance, ‘600, ‘700, ‘800 and ‘900.

At the beginning of each chapter the authors briefly defines the historic period, they also add some History of Art references. The analysis of fashion elements in works of arts represents the core of each chapter. This is the most interesting part: we can see how Fashion perfectly mirrors the historical, social and economical history of the period. We learn how rich Netherlander bourgeoisie used to look like thanks to Vermeer paintings, we understand the change in the socio-economical role of females in ‘900 thanks to Modigliani portraits and so on and so forth.

The introduction states “Recent studies consider the need to cover our body not only as something linked to atmospheric weather but also to ritual needs […] clothes were aimed at immediately identify the role played by the individual in society […] those who are interested in fashion history could look at Art as an immense fashion show made of clothes and accessories that were mentioned only in literary text before”.

I loved the editorial structure of the volume and the incredible images you’ll see below.

Unfortunately I don’t know if this volume is still available … I found it by chance (what a good chance!) in a remainder bookshop for less than 5 euros!

Bisous

S.

DSC_0040

DSC_0038

DSC_0037

DSC_0035

No Comments Yet.

Leave a comment